Notizie

“Palermo, guida semiseria tra i vicoli del cuore” alla Fonderia Oretea

Sarà presentato venerdì 21 dicembre alle 17 alla Fonderia Oretea alla Cala,  il libro “Palermo, Guida semiseria tra i vicoli del cuore”  pubblicato da Navarra Editore. Un percorso narrativo e descrittivo sulle tracce della “Panormus” punico-romana, della “Balarm” verde e lussureggiante degli Arabi, della “Balermus” dei grandi sovrani normanni. In giro nella città della Controriforma e dell’Inquisizione, del barocco abbagliante, della peste che ammorba e della devozione popolare che salva. Scritto dalla giornalista Eleonora Iannelli, il volume crea così un percorso narrativo e descrittivo, turistico e catartico, “una specie di autoterapia”, come dice l’autrice. Nei meandri di palazzi sfarzosi, camere dello scirocco, cripte e passaggi sotterranei, chiostri e bagni purificatori. I vicoli scandagliati dalla Iannelli sono tanti: i “Vicoli della bellezza”, i “Vicoli della bontà”, i “Vicoli del malcostume”.

“Questo libro – spiega la Iannelli – è una mia dichiarazione d’amore a una città strepitosa, da colpo di fulmine, mai come oggi che è incoronata capitale della cultura. Però, come per un amore bello e impossibile, puoi amare Palermo e viverci bene con l’ottimismo del cuore; oppure odiarla con il pessimismo della ragione. Talvolta, la tentazione al rigetto è forte. Eppure, prevale l’attrazione fatale. Io ho capito, finalmente, quale sia la prospettiva giusta per ‘sopportare’ Palermo, o addirittura riuscire ad amarla, e spero che la mia terapia possa essere contagiosa”.

All’incontro, moderato dalla giornalista Elvira Terranova interverranno lo storico Pasquale Hamel, direttore del Museo del Risorgimento e l’architetto Giovanni Maria Lomonaco del Centro regionale per il restauro e l’autrice.

Eleonora Iannelli è giornalista professionista. Di origini messinesi, vive a Palermo da molti anni. È autrice di vari libri su temi di mafia e memoria storica per adulti e bambini. Per Navarra Editore ha pubblicato Meglio il lupo che il mafioso 1 e 2 (2016, 2017), due libri-esperimento scritti tra i banchi, con la partecipazione attiva e creativa degli alunni di alcune scuole primarie.