Notizie

Manifesta chiude con oltre 483mila visite in 145 giorni

483.712 visite in 145 giorni di apertura al pubblico. E’ il bilancio di Manifesta 12, la biennale europea di arte contemponraea intitolata Il Giardino Planetario. Coltivare la Coesistenza e stata curata da un team interdisciplinare di Mediatori Creativi: Bregtje van der Haak, giornalista e filmmaker olandese; Andrés Jaque, architetto e professore spagnolo; Ippolito Pestellini Laparelli, partner dello studio di architettura di Rotterdam OMA; e Mirjam Varadinis, curatrice alla Kunsthaus Zurich. La biennale è stata organizzata da un team di 40 professionisti, sia italiani che internazionali, e oltre 100 volontari.

Oltre al programma principale, Manifesta 12 Palermo ha presentato un ricchissimo programma di Eventi Collaterali. 71 progetti sono stati selezionati tra le 631 proposte ricevute. Manifesta 12 Palermo ha anche presentato un nuovo programma chiamato 5x5x5 per il quale una giuria internazionale ha selezionato 5 progetti educativi, 5 mostre temporanee e 5 programmi di residenza artistica, preferendo quei progetti volti a sviluppare una fitta rete di relazioni professionali e collaborazioni tra i professionisti del luogo ed enti internazionali. Inoltre, offrendo più di 50 proiezioni gratuite al Teatro Garibaldi, nel giardino di via Primo Carnera allo ZEN 2 realizzato insieme all’associazione Zen Insieme, e all’Arena La Sirenetta, riaperta al pubblico dopo 12 anni di abbandono, il Film Programme di Manifesta 12 ha registrato circa 3500 spettatori.

In poco più di 4 mesi, Manifesta 12 Palermo ha registrato lo straordinario numero di 483.712 visite. Questo numero si referisce alle volte in cui i visitatori sono entrati in una delle 20 sedi di Manifesta, o dei progetti collaterali o dei 5x5x5. Il numero dei singoli visitatori  si stima sui 206.456 visitatori. Il 67% dei visitatori di Manifesta 12 sono infatti arrivati dall’Italia, il 19% da uno dei paesi dell’Unione Europea e il 14% da altri paesi. Nel corso dell’anno, Manifesta 12 ha prodotto 5 pubblicazioni: lo studio urbano commissionato da Manifesta Biennial allo studio di architettura OMA, Palermo Atlas(edito da Humboldt Books); la Manifesta 12 Guidebook, (edita da Domus); la Manifesta 12 Collateral Events Guidebook (edita da Manifesta Biennial), il Manifesta 12 Reader e il nuovo numero del The Chronic del collettivo africano Chimurenga. In totale, Manifesta 12 Palermo ha venduto 5.185 pubblicazioni.

Sono stati oltre 20.000 hanno partecipato al programma del dipartimento Educazione di Manifesta 12 negli ultimi due anni, e 72 associazioni locali e 34 scuole pubbliche di Palermo sono state coinvolte in progetti educativi come collaboratori o partner. I Giardinieri di Manifesta 12 hanno condotto 822 visite guidate, oltre i tour gratuiti per le scuole e associazioni civiche, ottenendo l’ottimo risultato di 8.925 persone coinvolte nei tour. In termini di eredità, particolarmente significativi sono stati i progetti Un Sacco di Palermo, il Manifesta 12 Education Hub e la Social Innovation Map. Il kit Un Sacco di Palermo è uno strumento educativo ideato per aiutare gli insegnanti delle scuole primarie e secondarie a introdurre il delicato tema della speculazione urbana che ha investito Palermo negli ultimi decenni. E’ stato progettato insieme a urbanisti di Palermo, studenti, gli artisti di Manifesta 12, l’Università degli Studi di Palermo, e l’Ecomuseo urbano Mare Memoria Viva. Dopo una serie di sessioni volte a istruire gli insegnanti su come utilizzare il kit, Un Sacco di Palermo verrà distribuito gratuitamente in 100 scuole di Palermo. Il Manifesta 12 Education Hub è una piattaforma creativa itinerante nata da un vecchio bus dismesso dell’AMAT che è stato trasformato dagli studenti dell’Università degli Studi di Palermo e dell’Accademia di Belle Arti di Palermo. Durante i mesi di apertura al pubblico della biennale, l’Hub ha raggiunto oltre 3.500 persone in 16 diversi quartieri di Palermo, organizzando workshop creativi ed eventi per le comunità in collaborazione con 40 associazioni locali e 10 scuole. Come dichiarato ieri dal sindaco Orlando, il bus creativo di Manifesta 12 resterà in città, e verrà presto messo a disposizione di altre associazioni locali e dei loro progetti educativi. Negli scorsi mesi, il dipartimento di Educazione di Manifesta 12 ha prodotto la Social Innovation Map di Palermo in collaborazione con consulenti di Palermo: una vera e propria mappa dei luoghi dell’innovazione sociale e culturale, tramite la quale gli utenti possono scoprire le realtà palermitane più attive nel campo.

Oltre 1500 articoli sono stati pubblicati su Il Giardino Planetario, ma la stima sale a 2200 articoli circa se si considerano anche quelli dedicati agli Eventi Collaterali e ai 5x5x5. Il successo mediatico riguarda anche gli account social di Manifesta 12 che registrano un incremento di 15.092 utenti in più su Facebook, e più 22.000 nuovi follower su Instagram negli ultimi 12 mesi; inoltre, si registrano 15.000 nuovi iscritti alla newsletter di Manifesta. A fine ottobre, l’Istituto Nazionale di Statistica ISTAT ha presentato un dossier dedicato a Palermo Capitale della Cultura e Manifesta 12, cercando di individuare l’impatto che questi eventi hanno avuto sui flussi turistici. I dati emersi vanno ben oltre le aspettative, con un numero quasi raddoppiato di presenze di visitatori internazionali, e un aumento della partecipazione dei cittadini ad attività culturali che mette Palermo e i palermitani al di sopra della media nazionale.

Prima di chiudere i battenti, Manifesta 12 Palermo ha organizzato una tavola rotonda al Teatro Garibaldi al fine di riflettere collettivamente sul lascito di Manifesta 12. Leoluca Orlando, Sindaco di Palermo, Andrea Cusumano, Assessore alla Cultura del Comune di Palermo, Hedwig Fijen, Direttrice di Manifesta Biennial, i Creative Mediator e il Team di Manifesta 12 Palermo, insieme a moltissimi professionisti e collaboratori locali si sono riuniti per discutere su come proseguire i tanti progetti sviluppati durante l’anno. Al termine della tavola rotonda, ha avuto luogo la cerimonia per il passaggio di consegne da Manifesta 12 Palermo, rappresentata dal Sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, a Manifesta 13 Marsiglia, nella persona di Marie-Hélène Feraud, Assessore alla Cultura del Comune di Marsiglia. Manifesta 13 Marsiglia avrà luogo dal 7 giugno al 1° novembre 2020.

“Dallo Zen a Romagnolo Manifesta 12 – dice il sindaco Leoluca Orlando – ha rappresentato un momento di grande coinvolgimento dei cittadini e del territorio in un processo di costruzione della comunità locale. Un processo che ha messo al centro l’arte come strumento di sviluppo e crescita sociale. Al di là dei numeri, comunque lusinghieri, i mesi in cui Manifesta è stata preparata e vissuta a Palermo con migliaia di cittadini, studenti, insegnanti e operatori sociali resteranno nella storia, anche grazie a quegli interventi/installazioni come il giardino dello Zen, che rimangono ora come luoghi e strumenti di nuova socialità e nuova cultura”.
“La metodologia curatoriale sperimentata con Manifesta 12 – aggiunge Hedwig Fijen, direttrice Manifesta Biennialsi è dimostrata vincente in quanto ha portato alla creazione di una vera e autentica sinergia tra Manifesta, la città e i cittadini di Palermo”.