Notizie

Giovanni Pepi: “Palermo Capitale della Cultura, sia molla per l’autostima”

Di 05/02/2018 No Comments

di Giovanni Pepi*

Leoluca Orlando scopre il logo, le quattro “P” degli alfabeti arabo, ebraico, fenicio e greco, come nell’antica lapide della Zisa, e dice: “Questa è Palermo”…Già, questa è Palermo. Armonia di culture, spazio di accoglienza, mare di dialogo, terra di convivenza, incrocio di diversità. Cosi ancora, dopo cambiamenti epocali. Prima capitale della mafia, poi capitale dell’Antimafia, ora capitale della Cultura. Un passaggio, quest’ultimo, che può essere nulla. Ma può essere molto. Perchè lo sia, deve rendere visibile la sua bellezza. All’estero, ma soprattutto ai palermitani, troppo piegati nell’osservazione del brutto al limite del catastrofismo.

Certo, la cultura non deve essere un velo su ritardi e disagi. Ma spesso ci concentriamo nella denuncia del brutto, ignorando le bellezze. Meglio cambiar verso: cerchiamo e facciamo vedere il bello, per estenderlo dove non c’è. Ovunque. Nel centro, nelle periferie, nella provincia. Non bastano risorse nuove, ci vuole uno stato d’animo nuovo. Il nostro sindaco sollecita ripetutamente più autostima. Non usa parole diverse il premier Paolo Gentiloni, quando si chiede e chiede, come ha fatto al Massimo: Palermo, in quale altro modo può’ crescere, se non investendo sulle sue risorse? Tutti noi possiamo essere d’accordo con lui. Solo che adesso siamo a un banco di prova. Dobbiamo superarlo. E tocca a noi.

*editorialista ed ex condirettore del Giornale di Sicilia