Notizie

Fa’ la cosa giusta! Sicilia, al via la fiera del consumo critico e sostenibile

Di 07/11/2018 No Comments

Torna dal 9 all’11 novembre all’ex Fiera del Mediterraneo, Fa’ la Cosa Giusta! Sicilia, la fiera del consumo critico e degli stili di vita sostenibili, giunta quest’anno alla quinta edizione e inserita tra gli eventi di Palermo Capitale Italiana della cultura 2018. Con oltre 100 espositori, 30 incontri, 180 relatori, 36 laboratori per grandi e piccini, la Fiera allargherà quest’anno lo sguardo al Mediterraneo e all’Europa ospitando le Giornate Europee dell’economia sociale e solidale. Una serie di dibattiti e confronti che porteranno in città, tra gli altri, rappresentanti della Commissione europea, esperti di tante Università italiane, esponenti di Gruppi di acquisto solidale e di associazioni di tutta Europa.

Promossa dal Comitato “Fa la cosa giusta! Sicilia” – di cui fanno parte 12 organizzazioni impegnate sui temi del consumo critico e dell’economia solidale – e dal Comune di Palermo, la Fiera aprirà i battenti venerdì 9 novembre alle 10 nell’aula plenaria del padiglione 4 proprio con la presentazione delle Giornate europee. I temi fondanti della Fiera – consumo critico e solidale, filiera corta, economia circolare, agricoltura contadina, riciclo e smaltimento dei rifiuti – si incroceranno in questa edizione con questioni politiche urgenti come l’immigrazione e le politiche di accoglienza europee, e con il tema della dignità del lavoro. Non a caso, il padiglione 4 ospiterà per tutta la durata della Fiera, la mostra “Dream Slaves” del fotografo polacco Mariusz Smiejek, reportage di un viaggio durato otto mesi tra i migranti accampati nelle campagne della Sicilia tra baraccopoli e lavoro nero. “La prospettiva di quest’edizione – dice Nino Lo Bello, coordinatore del Comitato Fa’ la cosa giusta! Sicilia –  si propone di essere quanto mai glocal, di  affrontare, cioè, questioni globali con lo sguardo alle buone pratiche locali e con proposte per un cambiamento dell’attuale sistema economico: dalla gestione dei rifiuti a partire dalle compostiere di comunità al turismo responsabile, alla salvaguardia del suolo e delle acque, al tema della finanza etica, alla filiera corta con la tutela dell’agricoltura contadina e della piccola pesca”.  “Economia solidale ed economia circolare sono oggi sinonimo di economia sostenibile e nuovo modello di sviluppo – dice il sindaco Leoluca Orlando – Uno sviluppo che deve mettere al centro esseri umani e la sostenibilità ambientale. Mai come oggi questa manifestazione è importante per creare reti e sinergie tra soggetti pubblici e del privato sociale perché mai come oggi è evidente che l’economia rispettosa dell’uomo e dell’ambiente è l’unica economia possibile se guardiamo al futuro”.

Il Comitato FLCG Sicilia è formato da: Addio Pizzo, Arci Sicilia,  Associazione per la pace e lo sviluppo nel Mediterraneo, Banca Etica, Best Up, CO.P.E., Centro di Documentazione Giuseppe Impastato, Fisac CGIL, Giovanni Abbagnato, Leontine Regine, Lavoro e non solo, Liberambiente, Libera Terra del Mediterraneo, Liotro, Siqillyah, Solidaria.

Gli appuntamenti sul sito www.falacosagiusta.org